Musei

Musei

I numerosi musei di Bologna meritano assolutamente una visita approfondita. Le nostre guide sapranno presentarveli in modo esauriente ed interessante.

Vinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo SliderVinaora Nivo Slider

Sapremo adattare la presentazione delle collezioni dei musei alle esigenze di visitatori diversi: scuole, gruppi di adulti, famiglie. Le nostre visite guidate nei musei di Bologna possono essere abbinate all'itinerario classico del centro storico o a itinerari tematici nella città.

MUSEO CIVICO ARCHEOLOGICO
Il museo si compone di diverse sezioni: Egizia, Villanoviana ed Etrusca, Greca, Romana, Gipsoteca.
La collezione Egizia, con circa 4.000 oggetti, è considerata tra le più importanti in Italia, insieme a quelle di Torino e Firenze. Estremamente significativa è la sezione Villanoviana ed Etrusca, i cui reperti - urne, stele, corredi per il banchetto, ceramiche, oreficerie - provengono da migliaia di sepolture ritrovate nel territorio di Bologna. Ripercorrete con noi la storia più antica della città, dalle origini nei villaggi villanoviani, alla formazione e sviluppo della ricca città etrusca di Felsina, alla romana Bononia.

MUSEO CIVICO MEDIEVALE E DEL RINASCIMENTO
Il museo Civico Medievale e del Rinascimento permette di conoscere meglio un’ epoca fondamentale per Bologna, il Medioevo, che vide la città assumere un rilievo europeo per la presenza dello "Studio", la prima università d'Europa. I monumenti sepolcrali dei docenti dello Studio sono particolarmente interessanti: la decorazione scultorea raffigura la lezione del maestro agli studenti. La sezione rinascimentale presenta importanti testimonianze anche dell'età della signoria dei Bentivoglio. Le collezioni presentano: sculture, avori, oreficerie, tessuti, vetri, manoscritti, armi.

MUSEO INTERNAZIONALE DELLA MUSICA
Il Museo Internazionale della Musica (sito UNESCO), presenta la ricchissima raccolta di testi e cimeli musicali del bolognese Giovanni Battista Martini (‘700), con pezzi unici, come la prova autografa d'esame di Mozart quattordicenne per l' ammissione alla prestigiosa Accademia Filarmonica di Bologna (1770). Inoltre, strumenti antichi, ritratti di musicisti, come quello di "J.Christian Bach" di Thomas Gainsborough; di Farinelli (esposto con i bozzetti originali dei suoi costumi di scena). Interessanti anche le sezioni dedicate a Rossini - formatosi musicalmente a Bologna - e a Wagner (le "prime" wagneriane in Italia ebbero tutte luogo a Bologna).

PINACOTECA NAZIONALE
I dipinti esposti in Pinacoteca sono opera dei maggiori artisti della pittura bolognese. Dalla vivacità espressiva di Vitale da Bologna nel Trecento, al rinascimento di Francesco Francia, Lorenzo Costa, Amico Aspertini, fino ai capolavori tra realtà, classicismo e barocco di Annibale, Agostino e Ludovico Carracci, Guido Reni, Guercino, all'opera anticonvenzionale di Giuseppe Maria Crespi. Oltre alle glorie della pittura bolognese, sono presenti in Pinacoteca importanti opere di Giotto, Raffaello, Parmigianino.

COLLEZIONI COMUNALI D'ARTE
All'interno di Palazzo Comunale, dopo la conquista di Bologna da parte del papato nel 1506, si costituì l'Appartamento Apostolico, appartamento di rappresentanza dei cardinali al governo della città. Nelle sue scenografiche sale barocche sono esposte le Collezioni Comunali, costituite da dipinti, sculture e arredi di diverse epoche, in particolare seicenteschi e settecenteschi.

MUSEO MORANDI
I dipinti e le opere grafiche dell’artista sono al momento esposti al MAMBO, il museo d’arte Moderna.  Paesaggi e oggetti "quotidiani", protagonisti dell’arte di Morandi, sono esplorati con sottili e profonde variazioni. La visita al Museo si può accompagnare alla visita di Casa Morandi (aperta solo su prenotazione) dove il pittore visse ed ebbe il suo studio, con gli oggetti originali.

MUSEI UNIVERSITARI DI PALAZZO POGGI
Palazzo Poggi, edificato nel’500, fu durante il ‘700 sede dell’Istituto delle Scienze: oggi ospita il Rettorato e i Musei Universitari. Le collezioni del ‘600 e ‘700 ripercorrono lo sviluppo della ricerca scientifica a Bologna. Di grande rilievo gli strumenti di medicina di Marcello Malpighi, Antonio Galli, Luigi Galvani; gli strumenti di fisica di Laura Bassi (1711-1778), la prima donna docente del mondo;  la collezione di cere anatomiche settecentesche. Le sale di Palazzo Poggi presentano anche notevoli cicli pittorici opera di protagonisti del Manierismo in Emilia, come Nicolò dell'Abate e Pellegrino Tibaldi.

MUSEO EBRAICO
Situato nel quartiere che fu il Ghetto Ebraico di Bologna durante il XVI secolo, il museo ripercorre la storia del popolo ebraico, della presenza ebraica in Italia, nella nostra regione e a Bologna. Una piccola sezione espone preziosi oggetti ebraici antichi, di provenienza emiliana. Si consiglia la visita del museo in abbinamento alla visita dell'area del Ghetto, dove parleremo dell'importanza della comunità ebraica di Bologna durante il Rinascimento.

L’INGRESSO A OGNI MUSEO COSTA 4 EURO BIGLIETTO INTERO, 2 EURO RIDOTTO.
TUTTI CHIUSI AL LUNEDI. MUSEO EBRAICO CHIUSO AL SABATO E FESTIVITA’ EBRAICHE.

Letto 4060 volte

Newsletter

Le Guide d'Arte

Associazione di guide turistiche autorizzate di Bologna e dell'Emilia-Romagna.

  • Indirizzo: Via del Monte, 5
    Bologna, 
    40126 - Italy
  • Tel./Fax: +39 051 275 0254
  • Email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.